NOTIZIE, EVENTI ED APPROFONDIMENTI


Volersi bene tra adolescenti

«L’incontro che si stabilisce tra un ragazzo e una ragazza, se è sincero e profondo, nasconde in sé un grande potenziale di trasformazione e di maturazione. Può aiutarci a smussare le rigidità del nostro temperamento, ad affinare le nostre capacità, a consolidare la fedeltà verso la persona che ci interessa e che vogliamo amare». Qualcuno da amare: l’amore a 15 – 17 anni è una delle esperienze più forti a cui un adolescente va incontro.

leggi di più 0 Commenti

Sono disillusi

Per me la fede… sono riuscito a capire che non è la stessa… non ho la stessa idea di fede di quando ero ragazzino. Adesso ho 19 anni, sono cresciuto, mi sono fatto il mio pensiero. Da bambino pensavo fosse una cosa bellissima, pensano che Dio fosse il mio protettore e che dovessi seguire il suo stile di vita…quello di Gesù. Tramite le varie letture, i vari insegnamenti cercavo di imitarlo. Invece crescendo, anche studiando, ho capito che non è così. Ho capito verso i 13, 14 anni… ho capito che non è tutto vero ciò che dicono.

leggi di più 0 Commenti

Solo la vita genera vita

È l’umano che sta cambiando, e non semplicemente l’abito con cui i ragazzi vestono la loro umanità. I giovani sentono che gli adulti rappresentano un mondo che non può essere il loro e manifestano la loro distanza dicendo sbrigativamente che «sono vecchi!», anche se talvolta questi adulti hanno pochi anni più di loro; gli adulti si rendono conto di non capire atteggiamenti, stili, sensibilità dei più giovani. E la velocità con cui i cambiamenti avvengono fa sì che le generazioni si allontanino sempre di più.

leggi di più 0 Commenti

Gli auguri del Parroco in occasione della Pasqua!

0 Commenti

Video catechesi di don Salvatore Rinaldi in occasione del Triduo Pasquale

0 Commenti

Qualcuno che ci dia delle garanzie

La domenica delle palme è una domenica particolare, per noi è la giornata della pace, la giornata in cui ognuno di noi può dare quel segno attraverso i ramoscelli d'ulivo. Come abbiamo ascoltato dall'antifona “Osanna” Gesù entra trionfale nella storicità degli uomini. C'è un cammino, Gesù invita i suoi a prepararsi per celebrare la Pasqua. Perché questo momento di ascesa da Gerico verso Gerusalemme? Ne scopriremo insieme il significato.

leggi di più 0 Commenti

Programma delle celebrazioni della Settimana Santa e della Pasqua

Pubblichiamo il programma delle celebrazioni religione in occasione della Settimana Santa e della Pasqua.

leggi di più 0 Commenti

Abbracciarsi

Ogni litigata è come una bomba: c’è sempre un momento di innesco della miccia. Questo periodo storico ci ha costretti a un’altissima esposizione alle persone che abbiamo accanto. Le nostre relazioni più intime rischiano di diventare la nostra valvola di sfogo, tramite cui scarichiamo le nostre paure, ansia e rabbia. Il conflitto è inevitabile, fa parte di noi esseri umani: prima comprendiamo questa realtà, prima capiremo che non possiamo evitare il conflitto, ma dobbiamo imparare a gestirlo bene.

leggi di più 0 Commenti

Adolescenza: amico del cuore

Fra i vari rapporti di amicizia che un ragazzo (questo termine è riferito qui sia ai maschi che alle femmine) può stabilire all’interno della propria classe, o di un gruppo extrascolastico organizzato (o anche semplicemente con qualche ragazzo vicino casa, o incontrato in luoghi frequentati da entrambi), uno può assumere una forte intensità e caratteristiche assai ben definite.

leggi di più 0 Commenti

Pre adolescenza: la banda e il club

Oltre che nei gruppi organizzati della scuola e del tempo libero, e in quello minimale costituito dalla diade, un rapporto di amicizia può svilupparsi in quei gruppi informali che si costituiscono, per adesione del tutto volontaria dei vari componenti, nella preadolescenza e nell’adolescenza. Tali gruppi sono caratterizzati, oltre che da un rapporto paritario fra i membri, da una maggiore libertà, non essendo presenti in essi né adulti che svolgano una qualunque funzione di controllo e di guida, né obiettivi o regole specifiche che in qualche modo provengano dal mondo degli adulti.

leggi di più 0 Commenti

Adolescenza: conquista di autonomia

Tutto il periodo che va dalla nascita fin verso i vent’anni (e che comprende l’infanzia e la fanciullezza, e poi la preadolescenza e l’adolescenza) può essere considerato assai bello e intenso. Esso è infatti contrassegnato da una costante esplorazione e scoperta della realtà, da un senso di autorealizzazione che si manifesta come progressiva acquisizione di nuove conoscenze e nuove abilità, come un’esplicitazione di interessi e di capacità potenziali, come una crescente capacità di programmare il proprio futuro.

leggi di più 0 Commenti

Conoscenze e comportamenti delle giovani donne in età fertile e salute preconcezionale. Il Consultorio invita alla compilazione anonima di un questionario

Il Consultorio sta collaborando ad uno studio dal titolo “Conoscenze e comportamenti delle giovani donne in età fertile relativamente alla salute preconcezionale. Identificare i loro bisogni di salute per poter implementare interventi personalizzati”. L’obiettivo dello studio è identificare le conoscenze e i comportamenti delle giovani donne in età fertile nell’ambito della salute preconcezionale.
Il questionario è indirizzato A TUTTE LE DONNE IN ETÀ COMPRESA TRA I  18  E I  25 Anni.
Il questionario è totalmente anonimo. E' possibile compilarlo cliccando sul seguente link. Grazie.

 

https://forms.gle/t4Ktk9XsJTe5GKa69

0 Commenti

Secondo appuntamento con il ciclo di incontri "Adolescenza: aspettative e prospettive"

0 Commenti

Non guarire dalla giovinezza

Il passaggio dall’infanzia all’età adulta avviene attraverso la giovinezza. Essa diventa quindi il momento attraverso cui ci testiamo e cominciamo a scoprirci. È il tempo in cui verifichiamo davvero che cos’è la debolezza, in cui mettiamo alla prova i nostri limiti. Tutto diventa un’immensa domanda su noi stessi: chi sono io veramente? Il nostro sguardo scopre il mistero di noi stessi: se siamo amati, se c’è qualcuno che renda affidabile la nostra vita.

leggi di più 0 Commenti

Adolescenza: aspettative e prospettive. Chi sono?

Prenderà il via martedì 23 Febbraio alle ore 18,30 presso il Salone "Madonna delle Rose" il ciclo di appuntamenti rivolto a giovani e adolescenti per riflettere sulle aspettative, sulle problematiche e sulle prospettive.

Non mancate!

leggi di più 0 Commenti

L'amore è sempre novità

Una persona che prende le distanze da qualcuno e continua a odiarlo per tutto il resto della sua vita, in realtà, non lo ha mai lasciato per davvero, non ha mai rotto realmente quella relazione, non si è mai messo fuori
quel rapporto che lo ha ferito e che lo ha fatto soffrire. È paradossale dir questo, ma l’unica maniera per rompere il rapporto con qualcuno è perdonarlo di cuore. L’odio è un continuo ripetersi dello stesso sentimento, dello stesso rancore, a volte anzi un aumentare della stessa rabbia; è un rimuginare quasi sempre sulle stesse cose; è un girare intorno alle stesse situazioni, al rancore che si ripropone sempre identico, all’odio che fermenta dentro di noi che va spezzato.

leggi di più 0 Commenti

Avere giovani felici

Educare non significa solo vigilare sul dovere, dare regole, mettere limiti, far camminare all’interno di sistemi, spingere a fare la cosa giusta, il proprio possibile. Chi educa deve essere capace di guardare con amore; e questo sguardo non è una questione sentimentale, ma la chiave di volta di tutta l’esistenza di una persona; è uno sguardo che anticipa di poco la risposta che il giovane effettivamente sta cercando con tutte le forze.

leggi di più 0 Commenti

"Adolescenza: aspettative e prospettive". Ciclo di incontri per adolescenti e giovani a partire dal 23 Febbraio 2021!

0 Commenti

La felicità non si insegna

La cosa che conta di più non è semplicemente analizzare la realtà, ma saper prendere decisioni di fronte a essa. Così le nuove generazioni sembrano affette dall’incapacità di poter decidere di compiere il gesto grande della libertà che sceglie il bene, o comunque che sceglie qualcosa per la propria vita. Decidere sembra un verbo bandito dalle nostre educazioni. Questo, però, è soltanto un sintomo di un problema molto più profondo. Il vero tema non è, infatti, saper decidere, ma è la nostra relazione con la libertà. Ecco perché dovremmo domandarci primariamente: che cos’è la libertà?

leggi di più 0 Commenti

E tu, dove dimori?

«Dove dimori? Dov’è la tua casa? Dove ti posso trovare? Dove posso stare con te, così da comprendere ciò
che cerco in te?». Anche in questa riflessione mi sono lasciato guidare dallo scritto di Agostino Clerici
edizione S. Paolo 2012. È Giovanni a raccontarcelo (cfr. Gv 6,1-29) dopo aver moltiplicato i pani e aver
sfamato cinquemila uomini, a coloro che lo cercano per farlo re dice chiaro e tondo che il motivo di quella
ricerca è sbagliato: lo cercano perché hanno mangiato gratis, per cui vorrebbero risolvere definitivamente,
grazie a lui, il problema del vitto.

leggi di più 0 Commenti

Che cosa cercate?

Perché iniziare con questa domanda un itinerario dopo Natale? Perché Natale è Dio che comincia a dimorare in mezzo a noi, è Dio che prende casa dentro di noi. In questa riflessione mi sono lasciato guidare dallo scritto di Agostino Clerici edizione S. Paolo 2012 - il Natale – che è, anzitutto, una festa del cuore (Benedetto XVI).

leggi di più 0 Commenti

Essere la sua origine

Per una donna e per un uomo essere fecondi, biologicamente, significa avere la capacità e la possibilità di generare, di riprodursi, di trasmettere la vita. Si tratta di una prerogativa della natura umana, ed è perciò un bene universale, che comporta una legittima aspettativa da parte di ogni coppia umana. Che cosa sarebbe dell’umanità se la fecondità non si perpetrasse!

leggi di più 0 Commenti

Pillole di Vangelo - Epifania del Signore

0 Commenti

Un raggio di felicità con la cultura della cura

«Un tempo per amare, un tempo per odiare, un tempo per la guerra, un tempo per la pace» è un equilibrio misterioso e fatale tra l’amare e l’odiare, tra la guerra e la pace. Non è l’equilibrio di forze che si contrastano, ma di forze che si inseguono, si compensano, si bilanciano l’una con l’altra. C’è un tempo per amare e un tempo per odiare, e forse è proprio il senso del tempo che sembra concedere una pari dignità a sentimenti tanto diversi. Non il tempo inteso in senso cronologico, ma il tempo come momento della vita morale.

leggi di più 0 Commenti

Avviso Sacro - Variazione Santa Messa

0 Commenti

Una "notte" che continua

Sentiamo bisogno di programmare la nostra giornata del riposo settimanale, la domenica, sentiamo il bisogno di uscire da quella struttura che ci coinvolte a tal punto che dal lunedì fino alla domenica mattina ci lasciamo coinvolgere dall'essere sempre attivi, sempre. Da quella nostra voglia di fare, di costruire, costruire, costruire. E persino quando proprio non sappiamo che cosa fare, vogliamo determinare la vita degli altri.

leggi di più 0 Commenti

Gli auguri di Natale di don Salvatore

0 Commenti

Luce e speranza

Salvatore Quasimodo: guardo il presepe scolpito, dove sono i pastori appena giunti alla povera stalla di Betlemme. Anche i Re Magi nelle lunghe vesti salutano il potente Re del mondo. Pace nella finzione e nel silenzio delle figure di legno: ecco i vecchi del villaggio e la stella che risplende, e l’asinello di colore azzurro. Pace nel cuore di Cristo in eterno; ma non v’è pace nel cuore dell’uomo.

leggi di più 0 Commenti

Pillole di Vangelo - V Domenica di Avvento

0 Commenti

Natale 2020: il programma delle celebrazioni religiose

Di seguito presentiamo il programma di tutte le celebrazioni religiose in occasione del Natale. A causa della pandemia alcune appuntamenti hanno subito delle modifiche sia nell'orario che nel luogo di svolgimento. Tutti gli eventi si svolgeranno nel pieno rispetto delle regole di distanziamento sociale e con l'ausilio dei dispositivi di protezione individuale.

leggi di più 0 Commenti

L'Avvento con Papa Benedetto

L’ Avvento non è soltanto un ricordo e una rappresentazione del passato, bensì anche un nostro presente e una nostra realtà: nel corso di queste settimane la chiesa non tiene una sacra rappresentazione, ma ci indica quel che costituisce la verità anche della nostra esistenza cristiana. Il senso del tempo dell’Avvento nell’anno liturgico è anche quello di risvegliare in noi questa coscienza.

leggi di più 0 Commenti

Pillole di Vangelo - Catechesi III Domenica di Avvento

0 Commenti

Con Papa Francesco: cambi di vita

In questo periodo siamo chiamati a uscire da un modo di vivere rassegnato e abitudinario, e a uscire alimentando speranze, alimentando sogni per un futuro nuovo. Stare svegli e pregare. Il sonno interiore nasce dal girare sempre attorno a noi stessi e dal restare bloccati nel chiuso della propria vita coi suoi problemi, le sue gioie e i suoi dolori, ma sempre girano intono a noi stessi.

leggi di più 0 Commenti

Messaggio di Avvento per i bambini e i ragazzi della Parrocchia

0 Commenti

Pillole di Vangelo - Catechesi II Domenica di Avvento

0 Commenti

L'attesa: Natale

Perché continuare ad attendere se non per quel di più di cui soltanto il cuore è capace? La ragione ti direbbe: lascia perdere; il cuore, invece, ti dice: «Se indugia attendilo». «Se ti aspetta, ti ama». Ogni distanza diventa, allora, un percorso brevissimo, ogni attesa una promessa meravigliosa, ogni silenzio una possibilità, ogni gesto caparra di più grande ricchezza e anche l’eventuale incomprensione si trasforma in uno sprone a vivere in modo diverso il rapporto.

leggi di più 0 Commenti

Una chiesa premurata

In Amoris Letitia al capitolo ottavo dell’Esortazione (“Accompagnare, discernere e integrare la fragilità”) contiene una prolungata riflessione sulla ‘misericordia pastorale’ (n. 307312), che non si limita a riproporre l’immagine della misericordia come «architrave che sorregge la vita della Chiesa», ma indica «un quadro e un clima» che «ci impedisce di sviluppare una teologia morale fredda da scrivania nel trattare i temi più delicati e ci colloca piuttosto nel contesto di un discernimento pastorale carico di amore misericordioso, che si dispone sempre a comprendere, a perdonare, ad accompagnare, a sperare, soprattutto a integrare» (n. 312).

leggi di più 0 Commenti

Matrimonio: molto da capire

Gli amori, che al loro sorgere si mostrano nella veste splendente di un itinerario perfetto, di un compimento senza sforzo, di una durata eterna, rivelano presto il peso della fatica di vivere, e quanto occorra essere saldi e duttili, persuasi e mobili al tempo stesso per evitare che si infrangano contro gli scogli della delusione, se non dello scacco. Come aiutare due persone all’inizio del loro cammino in comune? Come essere loro accanto senza essere invadenti, come suggerire accortezze senza inutili cinismi?

leggi di più 0 Commenti

Salvato da chi?

Cosa avviene nell’uomo salvato, redento da Cristo? È messo in grado di vivere la stessa vita di Dio, avendo la grazia, che è la partecipazione creata della stessa vita increata di Dio. Questa grazia permette ad ogni persona di avere fede, speranza, carità infuse, e tutte le altre virtù, anche esse infuse.

leggi di più 0 Commenti

No alla solitudine

Un dato ormai da tempo acquisito da parte delle scienze dell’ uomo (in particolare psicologia e sociologia) afferma che la cultura nella quale oggi siamo immersi, viviamo e respiriamo, spinge sempre di più verso un’individualizzazione delle esperienze di vita con il rischio, reale e non solo ipotizzato, di sfociare, nel lungo periodo, in una sorta di isolamento esistenziale e di perdita del senso profondo dell’esistenza.

leggi di più 0 Commenti

Apprezzare la vita

Alcune persone sanno godersi la vita: adempiono con soddisfazione ai loro doveri e non si angustiano se qualcosa non va come previsto. Lottano contro le difficoltà, ma sanno bene che ogni cosa ha il suo tempo, che bisogna sempre sperare e accettare che questa terra non sia il cielo. Altre persone sono sempre rivolte al futuro: vivono cioè in continuo anticipo, cercando di accelerare ogni cosa. Tutto dev’essere “già”.

leggi di più 0 Commenti

Io/Tu: lettura psicologica (Parte 3)

Quando immaginiamo l’amore, pensiamo all’esperienza del sentirci amati, compresi, accettati, desiderati. Ed è uno specchio veritiero, ma a condizione che ciò avvenga per entrambi i partner. Nel grande amore, i due cercano di esaudire i desideri dell’altro più dei propri, ma poiché lo fanno reciprocamente si sentono liberi e leggeri. Non hanno mai l’ impressione di sfruttare o essere sfruttati, cioè evitano che uno domini l’altro. L’amore reciproco duraturo ci consente l’esperienza più diretta della parità, e non importa se uno è più ricco, più istruito, più bello dell’altro.

leggi di più 0 Commenti

Io/Tu: lettura psicologica (Parte 2)

L’innamoramento, a volte, si presenta come colpo di fulmine, una fascinazione improvvisa che ti sorprende per la sua forza e ti spinge verso una persona sconosciuta, ma che ti appare sin da subito intima e familiare, amata. E, dopo l’incontro, le frequentazioni iniziali, la fusione erotica, la gioia profonda, l’entusiasmo, pian piano si fa strada in entrambi l’idea che potranno stare e vivere insieme. Gli esseri umani sono estremamente complessi, nessuno di noi è uguale all’altro.

leggi di più 0 Commenti

Avviso Catechismo per l'Anno Pastorale 2020/2021

0 Commenti

Io/Tu: lettura psicologica (Parte 1)

La coppia inizia con un’immagine simbolica che ognuno di noi crea nella sua mente sin da ragazzo, da bambino; un’immagine che alimenta guardandosi intorno, vedendo persone che si amano e stanno bene insieme. È come una guida che ci porta a pensare che vi sia nel mondo, da qualche parte, il nostro essere amato.

leggi di più 0 Commenti

Parlare dei miracoli oggi

Una prima semplice interpretazione, più antica e – potremmo dire – “ingenua”, ha utilizzato il miracolo in chiave apologetica, come “dimostrazione” della potenza di Gesù e, in ultima analisi, della sua stessa divinità. Come si può facilmente intuire, la logica di tale interpretazione, soprattutto quando portata fino alla conseguenza di voler dimostrare la natura divina di Gesù, non regge. Basti pensare a miracoli operati dai personaggi dell’Antico Testamento, uomini di Dio  profeti, che non hanno mai rivendicato per sé alcuna identità divina.

leggi di più 0 Commenti

Necessaria una preparazione

In un colloquio con una persona ho raccolto questa testimonianza: Ho tanta voglia di fare. Spero che l’energia che sento dentro mi spinga a reagire in positivo! Intanto non posso fare altro che ringraziare Dio per ciò che sono. Voglio cercare di portare avanti i vari impegni che mi sono assunta, in maniera assidua. Dipende da me e dalla mia costanza e forza di volontà. Sto riflettendo anche sulla «responsabilità dell’illusione».

leggi di più 0 Commenti

Decidere di amare

Innamorarsi a 15 anni è bello, normale e sano (un po' meno a 60 anni, magari di una quindicenne!); un evento importante per l’adolescente, ma che indica semplicemente che egli è «capace» di amare, così come è in grado di imparare, di studiare, di fare sport… Nell’innamoramento il diploma della maturità è una meta ancora lontana, che sarà raggiunta dopo molti anni… e quasi mai a pieni voti; seguirà poi l’esercizio della professione che comporterà un quotidiano tirocinio di umiltà, di pazienza e di tenacia.

leggi di più 0 Commenti

La morte del prossimo

Esistere è occupare uno spazio e abitare dentro lo spazio. Nel linguaggio comune si dice: «Dimmi con chi stai e ti dirò chi sei», detto popolare che potrebbe essere parafrasato molto bene con: «Dimmi come impieghi lo spazio e ti dirò chi sei». È proprio vero! L’impiego dello spazio riflette ciò che ciascuno di noi realmente è. In esso rispecchiamo intenzioni, significati, sentimenti, progetti e scelte personali. Tra lo spazio e la persona vi è un rapporto di interdipendenza reciproca.

leggi di più 0 Commenti

A te adolescente

Alla vostra età anche l’amicizia non è più una cosa facile. Ma la strada dell’amore comincia proprio dall’amicizia. «Io penso che l’amore non è forte se non è penetrato di amicizia» (E. Mounier). L’amicizia e l’amore hanno la stessa sorgente, perché permettono all’uomo di amare e di essere amato. Ma l’amicizia è più importante e viene prima. L’innamoramento, se non è accompagnato da scambio di valori, di idee, di amicizia, non è destinato a durare

leggi di più 0 Commenti

Perfezione o santità?

Vi è confusione spesso evidente tra perfezione e santità. Confondere la santità con la perfezione vuol dire autocondannarsi a un’eterna insoddisfazione verso noi stessi, perché la perfezione rappresenta qualcosa dì impossibile, un obbligo improbabile, e alla fine un’infelicità suprema. Perfezione è termine umano, indica una realtà completa e compiuta, intatta e carente di nulla in tutti i suoi aspetti, ovvero una realtà che non esiste. Protagonista della perfezione è il singolo, la cui buona volontà non è in dubbio, con i suoi sforzi e le sue conquiste, di cui s’attribuisce il merito.

leggi di più 0 Commenti

Conclusi i festeggiamenti in onore della Madonna del Carmine (Galleria Fotografica)

Si sono conclusi i tradizionali festeggiamenti in onore della Madonna del Carmine. Nonostante le restrizioni volte al contenimento dell'epidemia da Covid 19 - che di fatto hanno determinato l'annullamento di tutti gli appuntamenti civili e ricreativi della festa nonché la tradizionale processione - la novena e le Sante Messe dei giorni 15 e 16 Luglio hanno visto il coinvolgimento di centinaia di fedeli ogni giorno per rendere omaggio alla Vergine. L'auspicio è che il prossimo anno possa rinnovarsi tale appuntamento nel rispetto dell'antica e sentita tradizione religiosa.

leggi di più 0 Commenti

Non utopia ma possibilità

La Teologia compie il proprio lavoro secondo il duplice movimento dell'ascolto e dell'intelligenza della fede. Tramite l'ascolto, riceve il contenuto del mistero; tramite l'intelligenza, cerca di penetrarlo e di comprenderlo fin dove possibile. Il culto a Maria e ai santi, se correttamente inteso e vissuto, non può certo essere interpretato in contrapposizione o in concorrenza con l'adorazione dovuta al Signore Gesù Cristo, unico mediatore della nuova alleanza.

leggi di più 0 Commenti

L'atto di fede

Quando apriamo la Bibbia, non ci troviamo di fronte a una sorta di trattato di filosofia o di teologia, di logica o di antropologia, ma abbiamo a che fare con una serie di scritti di autori diversi e destinati a pubblici altrettanto differenziati. Inoltre, in questi testi si esprime certamente la coerenza di Dio, che però non è la nostra coerenza: i suoi pensieri non sono i nostri pensieri, le sue vie non coincidono con le nostre.

leggi di più 0 Commenti

Novena e festa della Madonna del Carmine nella Concattedrale. Ecco il programma religioso con tutte le celebrazioni

Anche quest'anno la città di Venafro si appresta a venerare la Beata Vergine Maria del Monte Carmelo, sebbene i festeggiamenti civili saranno sospesi a causa della situazione sanitaria pandemica. Anche la tradizionale processione del 16 Luglio non avrà luogo mentre rimangono invariati tutti gli altri appuntamenti religiosi tradizionali con la novena e le celebrazioni eucaristiche che si svolgeranno nella Concattedrale per permettere la consueta e massiccia partecipazione dei fedeli nel rispetto del distanziamento sociale e con l'utilizzo dei dispositivi di protezione individuale. Di seguito si allega il programma completo.

leggi di più 0 Commenti

La mia carne

Come può Costui darci da mangiare la sua carne? È una domanda seria quella che si fanno i Giudei. Noi siamo abituati a leggere queste parole di Gesù pensando all' Eucarestia e, forse abbiamo un po' disinnescato la portata scandalosa di ciò che contengono. Eppure, fin dall'inizio della Chiesa questo comando di Gesù era un mistero che la gente di fuori non capiva e storpiava, immaginando chissà quali banchetti umani e accusando i cristiani di cannibalismo.

leggi di più 0 Commenti

Un linguaggio materiale

Fin da piccoli veniamo seguiti, curati, accuditi, accarezzati; tutte queste attenzioni, questi gesti d’amore che riceviamo, ci insegnano come si fa ad amare. I gesti o le parole emotivamente più significativi restano custoditi in una sorta di banca interiore: rappresentano il nostro tesoro affettivo e per un certo tempo continuano a esercitare il loro valore. Quando siamo giù di corda, quando le cose della vita non funzionano per il verso giusto, quando vediamo solo la parte mezza vuota del bicchiere, ovvero sentiamo di essere solo infecondi, non c’è niente che ci può far sentire meglio di un gesto affettuoso di incoraggiamento, una carezza ricevuta da parte di una persona cara.

leggi di più 0 Commenti

L'Energia dello Spirito. Video Catechesi di mercoledì 9 Giugno 2020

0 Commenti

Ultimi appuntamenti con le catechesi del Parroco

Con la solennità del Corpus Domini si chiude il ciclo catechetico a cura del Parroco don Salvatore Rinaldi iniziato a fine settembre 2019 e svoltosi in modalità video con l'inizio dell'epidemia da Coronavirus.

Mercoledì 10 Giugno 2020 alle 8,30 verrà trasmessa l'ultima video catechesi. Dopo la pausa settimanale nella coincidenza della solennità dei Santi Martiri Nicandro, Marciano e Daria, l'ultimo appuntamento con la catechesi si svolgerà mercoledì 24 Giugno alle ore 19,30 nella chiesa San Luigi Orione con la presenza dei fedeli. Gli appuntamenti riprenderanno regolarmente nel prossimo anno pastorale.

leggi di più 0 Commenti

Adolescenza

Nel corso del tempo, la società, i modelli educativi e i miti affettivi famigliari sono profondamente cambiati. La famiglia affettiva ha sostituito quella normativa, il soggetto narcisistico è subentrato a quello edipico e il peso della vergogna e della mortificazione sociale ha preso il posto del senso di colpa. L’adolescente, con l’arrivo della pubertà, acquisisce nuove spoglie che, oltre a rivoluzionarie dotazioni, portano con sé la rivelazione di una grande verità: il corpo è finito, limitato e mortale.

leggi di più 0 Commenti

L'Energia dello Spirito. Video catechesi di mercoledì 3 Giugno 2020

0 Commenti

L'essere coppia: una sfida alla luce del Vangelo

«Le ragioni che conducono due individui ad unirsi, per formare una coppia, costituiscono uno dei misteri più affascinanti, ma anche più difficili da risolvere» – afferma icasticamente don Salvatore Rinaldi, bioeticista impegnato nel Consultorio familiare, di ispirazione cristiana, “Il Girasole”, di Venafro, e docente alla Pontificia Facoltà dell’ Italia Meridionale (sez. San Luigi). Da sempre, l’arte, la letteratura e gli stessi archetipi immaginativi si sono confrontati con l’idea stessa di coppia.

leggi di più 0 Commenti

"Nuovo sapere": terreno di dialogo

La ricerca del nuovo e l’allergia per le regole sono mosse da un forte individualismo, che cerca di massimizzare il successo, che gradisce apparire, essere alla moda, per cui gode molto dei consumi, della ricchezza cercata e posseduta, anche sfruttando gli altri, gli immigrati ben accolti purché “in nero”. Fin dall’inizio di questo tipo di ricerche si è parlato di edonismo, della ricerca del piacere, che appunto non ama troppo le regole, anzi cerca di ignorarle o di nasconderne la violazione, sfruttando gli altri.

leggi di più 0 Commenti

L'Energia dello Spirito. Video catechesi di mercoledì 27 Maggio 2020

0 Commenti

Dio dinamico - solidarietà e redenzione

Dio non solo crea, ma continua nella sua amorevole cura dell’umanità e non l’abbandona, nemmeno quando gli si voltano le spalle. Essere genitori non significa solo generare, ma aver cura dei propri figli. Amare non è solo innamorarsi, ma vivere nel quotidiano l’esperienza della cura. Il senso dell’esistenza è decisivo, ci è donato in una Rivelazione dell’amore che ci raggiunge e ci trascende. Noi abbiamo esperienza soltanto di cose che cominciano e finiscono e che quindi hanno un “da dove” e un “verso dove”.

leggi di più 0 Commenti

L'Energia dello Spirito. Video catechesi di mercoledì 20 Maggio 2020

0 Commenti

Emozioni e desiderio

L’emozione altro non è se non un’agitazione, uno scuotimento, una vibrazione dell’animo. Possiamo descriverle cosa proviamo quando vediamo il nostro amato venirci incontro: «È qualcosa che mi prende, che canalizza tutta la mia attenzione». Possiamo descrivere quello che proviamo fisiologicamente: «Mi fa battere il cuore, le mie mani sono tutte sudate». Ma, a conti fatti, la nostra descrizione non coglierebbe nel segno, perché il carattere essenziale dell’amore, come il carattere essenziale di tutte le emozioni, è l’esperienza.

leggi di più 0 Commenti

Ripresa delle celebrazioni liturgiche: le regole e le misure di sicurezza da adottare

0 Commenti

L'Energia dello Spirito. Catechesi di mercoledì 13 Maggio 2020 a cura del Parroco don Salvatore Rinaldi

0 Commenti

Avviso del Parroco - Partecipazione dei fedeli alla Sante Messe nella nostra Parrocchia

0 Commenti

"Una lettera dopo la tempesta": riflettiamo in vista della ripartenza

Un gruppo rappresentativo di persone impegnate nella promozione di una società accogliente, solidale e tollerante il 1’ maggio ha pubblicato “Una lettera dopo la tempesta”, che è possibile leggere integralmente sulla pagina facebook “Lettera nella tempesta”.

leggi di più 0 Commenti

L'Energia dello Spirito. Catechesi di Mercoledì 6 Maggio 2020

0 Commenti

Parusia: cammino nella storia

La parusia è la venuta ultima di Cristo che porta a compimento il suo mistero pasquale e ne rivela pienamente la portata salvifica per l’umanità, il cosmo e la storia. Gesù, come evento escatologico, apre al senso delle realtà ultime del mondo e dell’uomo. Ciò che in lui è già accaduto anche se in modo velato, ciò che a partire dalla risurrezione è realtà in lui che è il capo, attende la piena manifestazione in tutto il suo corpo.

leggi di più 0 Commenti

L'Energia dello Spirito. Video catechesi di mercoledì 20 Aprile 2020

0 Commenti

Vivere l'emergenza del coronavirus

Il panico è una forma di ansia generalizzata che spinge a comportamenti immediati, ma irrazionali e per lo più distruttivi. È un retaggio del nostro patrimonio biologico, legato alla paura, che avverte in tempi brevissimi un pericolo prima che intervengano i processi riflessivi. Il panico accresce la gravità dei problemi, come si è potuto notare in maniera evidente in occasione delle fughe precipitose da una regione all’altra di un Paese. Tutto ciò, oltre a portare a una ingiustificata scarsità delle risorse, contribuisce a diffondere in maniera esponenziale il contagio, creando oltretutto tensioni e rivalità tra le persone.

leggi di più 0 Commenti

Fede nella risurrezione

Il corpo glorioso del Signore risorto, come si legge nei Vangeli, risulta trasfigurato e glorioso, tanto che i discepoli di Emmaus non lo riconoscono, se non allorché spezza il pane con loro e gli stessi apostoli stentano a individuarne l’identità; allo stesso tempo, però, si presenta in continuità con quella realtà somatica che ha vissuto Gesù nella sua esistenza storica. Da questo punto di vista è particolarmente significativo il fatto che Egli non intenda presentarsi come un fantasma, ma condivida il cibo con i suoi discepoli.

leggi di più 0 Commenti

Presenza d'amore

L’uomo storico è un uomo che liberamente ha scelto la nudità e, di conseguenza, Dio, per salvare la storia, si mette pazientemente in cammino lungo la via della scelta alla nudità per farla diventare via di salvezza. Giovanni Paolo II: «L’amore di Dio è capace di chinarsi su ogni figlio prodigo, su ogni miseria morale, sul peccato.

leggi di più 0 Commenti

Gravitazione verso Dio

Il dono più grande che si possa fare a una persona è dirle l’unica verità che genera la gioia: «Dio ti ama». Noi cristiani abbiamo ricevuto da Dio stesso l’impegno di gridare la “Buona Notizia” per tutte le strade e in mezzo a tutte le disperazioni del mondo. E la “Buona Notizia” è questa: Dio ti ama! La gioia dell’uomo sta nell’accogliere Dio e nel vivere la sua stessa Vita: la Vita dell’Amore!

leggi di più 0 Commenti

Programma della Settimana Santa e della Pasqua 2020

Pubblichiamo il programma delle celebrazioni liturgiche della Settimana Santa e della Pasqua 2020. Sarà possibile partecipare alle celebrazioni attraverso la diretta streaming disponibile sulla Pagina Facebook "Parrocchia San Giovanni in Platea - Venafro" e sul Canale YouTube "Parrocchia San Giovanni in Platea".

leggi di più 0 Commenti

Dignità della donna

«La rinascita dell’umanità è cominciata dalla donna. Le donne sono fonti di vita. Eppure sono continuamente offese, picchiate, violentate, indotte a prostituirsi e a sopprimere la vita che portano in grembo. Ogni violenza inferta alla donna è una profanazione di Dio, nato da donna. Dal corpo di una donna è arrivata la salvezza per l’umanità: da come trattiamo il corpo della donna comprendiamo il nostro livello di umanità» (testo dell’omelia di papa Francesco per la festa di Maria Madre di Dio).

leggi di più 0 Commenti

Emergenza Covid-19: la Parrocchia raccoglie donazioni e beni di prima necessità per aiutare i più bisognosi

In questo periodo di grave emergenza legata al diffondersi del corona virus, la Parrocchia viene incontro ai bisogni delle famiglie e delle persone che vivono in condizioni di povertà. Per questo motivo il Parroco don Salvatore Rinaldi invita gli uomini e le donne di buona volontà a effettuare:

1) una donazione libera sul c/c postale intestato a Parrocchia San Giovanni in Platea Codice IBAN IT18 G076 0115 6000 0001 1765 864 con la seguente causale: Emergenza Covid-19

oppure

2) consegna di beni di prima necessità (alimenti a lunga conservazione o vestiario) presso il Salone del Centro Sociale "Madonna delle Rose" in Via Pedemontana n. 41.

Per informazioni su consegne e ritiro beni di prima necessità contattare preventivamente il seguente numero: 337 667 822

Il Parroco ringrazia anticipatamente.

1 Commenti

L'Energia dello Spirito. Catechesi settimanale del 25 Marzo 2020 a cura di don Salvatore Rinaldi

0 Commenti

Chi esaudisce le nostre preghiere?

Se la nostra preghiera pressante apparentemente non viene esaudita, per prima cosa chiediamoci se la
nostra fede è sufficientemente radicale. Allora non dimentichiamo mai che soltanto la preghiera fatta con
fede totale sarà sempre esaudita. Facciamo quindi nostra la preghiera degli apostoli, che un giorno si
avvicinarono a Gesù dicendogli: «Aumenta in noi la fede!».

leggi di più 0 Commenti

L'Energia dello Spirito. Secondo appuntamento con don Salvatore Rinaldi per riflettere insieme sulla Parola dell'Uomo di Nazareth

0 Commenti

Non angustiatevi!

L’ideale cristiano non è quello di un uomo e una donna tranquilli e inscalfibili; il cristiano è bene che sia preoccupato, che corra e si affanni. Ciò che muove questa corsa però non è la disperazione, ma il riflesso dello sguardo paterno e materno di Dio che per tutti si preoccupa. Tuttavia l’ansia non sarà dimenticata; sarà invece ricordata come il segno della lotta sostenuta affinché ciò che era prezioso potesse vivere.

leggi di più 0 Commenti

Apertura Chiesa S. Luigi Orione e Sante Messe in streaming

0 Commenti

L'Energia dello Spirito. Catechesi dell'11 Marzo 2020 a cura di don Salvatore Rinaldi

0 Commenti

Coraggio!

Desiderio di volare, paura di cadere; desiderio di sperare, paura di illudersi; desiderio di fidarsi, paura di rimanere delusi; desiderio di crescere e paura di sorridere… Dal punto di vista etimologico, il termine deriva dal latino coraticum o anche cor habeo, aggettivo derivante dalla parola composta cor, cordis «cuore» e dal verbo habere «avere»; quindi avere cuore.

leggi di più 0 Commenti

Decreto Vescovile inerente l'emergenza Corona Virus

Pubblichiamo integralmente il Decreto Vescovile inerente le disposizioni del Vescovo della Diocesi di Isernia-Venafro inerente la sospensione di tutte le celebrazioni liturgiche fino a venerdì 3 Aprile 2020.

La nostra Parrocchia, al fine di dare la possibilità ai fedeli di sentirsi in comunione con la propria chiesa locale, provvederà a garantire la trasmissione della celebrazione della Santa Messa domenicale in diretta streaming. Maggiori informazioni saranno fornite nei prossimi giorni.

leggi di più 0 Commenti

Comunicazione del Parroco - Questione Coronavirus

Il Parroco, in conformità con quanto previsto nel comunicato emanato in data 4/3/2020 dalla Conferenza Episcopale ''Abruzzo-Molise'', determina fino al 15 Marzo la sospensione di tutte le attività pastorali parrocchiali rivolte ai bambini, ragazzi e giovani.

 

leggi di più 0 Commenti

Gli eventi di Dio

L’intervento di Dio nelle cose della vita può essere riconosciuto solo all’interno di un atto di fede. Che le cose capitino nel momento opportuno, anche se non ne siamo consapevoli (per troppa fretta, paura, distrazione) è una dimensione della fede nella Provvidenza. Spesso ci si è resi conto di ciò che Dio aveva donato solo in una rilettura dell’esperienza, come s. Agostino nelle sue Confessioni.

leggi di più 0 Commenti

Carnevale in piazza!!!

Manca davvero poco! Vi aspettiamo numerosi per festeggiare il Carnevale nel cuore della nostra città! Tanto divertimento e allegria vi aspettano! A presto!!!

0 Commenti

Occhi e volto della madre

Se il bambino è visto dalla madre unicamente come parte di sé, in funzione della soddisfazione dei propri bisogni frustrati, ciò renderà più difficile il processo di crescita in ordine alla sua identità e nell’acquisizione di un corretto senso della realtà. Da qui l’importanza, per la stessa madre, dal padre come figura di riferimento alla pari.

leggi di più 0 Commenti

Restituire il bambino alla madre

Con l’aiuto di professionisti in materia propongo questa seconda parte. Scrive in proposito Massimo Recalcati: «nella prospettiva della psicoanalisi, le funzioni della madre e del padre non possono essere abolite da un richiamo genetico alla genitorialità che annulli la differenza sostanziale tra funzione materna e funzione paterna, magari riducendo queste funzioni, come accade già, alla definizione anonima di un genitore detto 1 e di un genitore detto 2.

leggi di più 0 Commenti

Madre: prima immagine di Dio

Aiutato da noti professionisti propongo questa prima lettura. Nell’essere umano la nascita biologica e la nascita psicologica non coincidono. Mentre la nascita biologica è un fatto ben preciso e osservabile, la nascita psicologica è frutto di un lento e complesso processo, nel quale la figura materna è un partner irrinunciabile.

leggi di più 0 Commenti

Figli di Dio

Mosè consegnò al popolo una legge che manifestava la volontà divina, ma in realtà senza avere una conoscenza diretta del Signore e senza poterne conoscere i misteri più reconditi. Per Gesù la situazione è diversa perché il Figlio «è nel seno del Padre» ed ha la possibilità di una conoscenza intima. L’ambito più proprio al ruolo di Gesù è quello di “spiegare” o “rivelare, ciò che è molto appropriato per una realtà che non è pienamente conosciuta dai destinatari.

leggi di più 0 Commenti

Programma di Natale 2019/2020

Ecco il programma di Natale in Parrocchia con tutti gli appuntamenti liturgici e ricreativi tradizionali.

Buon Natale e felice anno nuovo!

leggi di più 0 Commenti

Perché sei venuto?

Il comportamento del cristiano è una precisa conseguenza della fede che lo distingue, in ultima analisi della stessa natura di Dio che egli è chiamato a imitare nella sua vita. “Dio è amore”, totalmente amore, semplicemente amore, nient’altro che amore. Dire Trinità significa dire Amore, dire Amore significa in definitiva dire Trinità.

leggi di più 0 Commenti

La Parola si è fatta corpo

Il Verbo si dispone ad essere dato alla luce in un corpo sensibile e in un percorso di vita, in un tempo e in luoghi diversi, in una lingua e in numerosi incontri, in una tradizione e in costumi particolari. Promessa straordinaria. Dio si è fatto uomo, ha assunto la carne umana. La storia effettiva di quell’uomo di Nazareth è stata riconosciuta come presenza reale del Figlio di Dio in mezzo a noi, per il nostro bene.

leggi di più 0 Commenti

Nella loro differenza benedetta

In questo nostro «abitare e lasciarsi abitare dalla differenza dell’altro», essere maschio e femmina non sono attributi da cui far scaturire visioni stereotipate di ruoli e comportamenti; sono, piuttosto, un patrimonio da mettere in comune, da trafficare per rendere più vero e fruttuoso l’incontro. Propongo questa chiave di lettura per contribuire ad una cultura che valorizzi l’integrazione armoniosa delle differenze.

leggi di più 0 Commenti